Corni portafortuna e portafortuna 
Arte in Movimento De Maria


Innanzitutto un avvertimento: il cornicello o corno portafortuna DEVE essere fatto rigorosamente a mano e deve essere di colore rosso. Fate attenzione perché un corno portafortuna non realizzato a mano probabilmente potrebbe portare "sfiga". 

corno portafortuna di Arte in Movimento De Maria

Inutile ribadire che i corni portafortuna di Arte in Movimento De Maria sono fatti a mano dai nostri artigiani, inutile dire anche che i nostri corni portafortuna portano davvero fortuna! 


Dicevamo poi che deve essere rosso, rigorosamente rosso perché il corno portafortuna sprigiona una potenza inedita per via della propria vivacità e per il legame con il colore del sangue.


Quindi riassumendo un corno portafortuna napoletano deve essere fatto a mano da un artigiano che infonderà le sue influenze positive nell'oggetto che sta creando, inoltre il corno portafortuna deve essere rosso!


...ma non è finita qui...


Il corno portafortuna affinché ci porti veramente fortuna e per riceverne gli effetti benefici non va comperato, ma deve essere stato ricevuto in dono.


In ultimo, ma non meno importante, il corno deve essere: "tuosto, stuorto e cu ‘a ponta" ovvero rigido, storto e con la punta.


La tradizione popolare ci insegna poi che il corno deve esser fatto di corallo, una pietra che ha il potere di scongiurare il malaugurio e proteggere le donne incinte.


Se vuoi fare un regalo veramente speciale acquista online il tuo corno portafortuna


ACQUISTA ONLINE 



La storia dei portafortuna e dei corni portafortuna

Come sono nati i portafortuna o meglio come è nata l'idea che alcuni oggetti come il corno napoletano potessero portare fortuna, ve lo siete mai chiesti?


Fu la gente comune che iniziò a costruirsi piccoli amuleti a forma di corna o di unico corno, fabbricandoli con materiali poveri quali il legno o la terracotta. 


La mitologia collega il corno portafortuna alla figura di Amaltea, nutrice di Zeus; Amaltea fu la capra che allattò il futuro re dell’Olimpo sul monte Ida a Creta.


Diventato re degli dei, Zeus, in segno di ringraziamento, diede un potere magico alle sue corna: il possessore poteva ottenere tutto ciò che desiderava. Da qui la leggenda del “corno dell’abbondanza“, detto anche Corno di Amaltea.


Pare che il corno portafortuna abbia più di 5000 anni. Rappresenta il 'fallo' di Priapo, il dio greco romano protettore della casa, della pesca e simbolo di fecondità e prosperità. Dunque, è un oggetto che viene tenuto in attesa della fortuna e della buona sorte.


Intorno al 3500 a.C. era uso appenderne uno sull’uscio della porta come simbolo di fertilità. La sua forma fallica lo rendeva un emblema di virilità e forza fisica. La fertilità, allora, era legata al successo e alla fortuna, dato che più un popolo è fertile più è prospero e di conseguenza fortunato.


Si usava anche offrire dei corni come voto alla Dea Iside, affinché assistesse gli animali nella procreazione.


Vendita portafortuna originali napoletani


Va ricordato che presso i popoli antichi gli elmi o simboli di corna venivano associati alla potenza di un individuo, in quanto animali possenti come il toro, l’elefante o il cervo erano considerati forti grazie alle loro corna.


Nel Medioevo il corno napoletano era considerato un oggetto ricco di virtù magiche ed esoteriche, averne uno consentiva di allontanare ogni forza maligna o disgrazia.

ACQUISTA o REGALA ONLINE 


Scopri il nostro assortimento di corni e cornetti napoletani in ceramica, portafortuna scaramantici,
corni con coccinella e gufo in vetro, il corno napoletano fatto a mano, corni in terracotta a partire da 0.99 €.

Sul nostro shop trovi anche cornetti e portachiavi portafortuna antisfiga in eleganti scatole da regalo.


Arte in Movimento De Maria è a Napoli, in via San Gregorio Armeno.