Statuette Personaggi Napoletani

Vero Artigianato 100 % 

per questo motivo l'oggetto puo
differire leggermente di piccoli dettagli e colori visti in foto

Arte in movimento
SPEDIZIONE GRATUITA
per ordini oltre 69.90 €
Arte in movimento
SPEDIZIONE 5.99 €
consegna in 3-5 giorni
Arte in movimento
SPEDIZIONE VELOCE 9.99 €
consegna in 24-48 ore
Arte in movimento
CONTRASSEGNO
Arte in movimento
SHIPPING WORLDWIDE
Arte in movimento
PAGAMENTI SICURI
carta di credito, bonifico
pagamento alla consegna

Statuette Personaggi Napoletani Ci sono 16 prodotti.

Statuette Personaggi Napoletani

Scopri centinaia di statuetta di personaggi Napoletani come le statuine di Totò, la statuina di Eduardo De Filippo, Pino Daniele, ma più di tutti Le statuine della Bella Mbriana e del Munaciello

Chi sono la Bella Mbriana e il Munaciello?

La bella ‘mbriana, secondo la tradizione popolare partenopea, sarebbe lo spirito benefico protettore della casa. Il termine ’mbriana deriva dal nome meridiana, lo strumento di rivelazione del tempo basato sull’osservazione della posizione del sole. Generalmente la meridiana è associata alla luce e al calore. L’appellativo bella ‘mbriana, dunque, viene attribuito ad una figura considerata dal folclore napoletano il simbolo del calore domestico e dell’accoglienza e dell’unione familiare.La ‘mbriana è uno spirito considerato da tutti buono e pacifico ma offenderlo potrebbe comportare delle conseguenze irreparabili come, per esempio, la morte di uno dei membri della famiglia. Il munaciello (“piccolo monaco” in dialetto napoletano) è una personaggio tipico della tradizione partenopea. E’ uno spiritello che la storia accosta ad una figura avente natura simpatica e dispettosa, ma non maligna. Le statuine raffiguranti il munaciello si rifanno, solitamente, alla figura del ragazzino deforme o, comunque, a quella di una persona di bassa statura. La storia del munaciello ha origini molto antiche che, tuttavia, hanno spesso diviso gli studiosi. C’è infatti chi afferma che questo personaggio, in realtà, sia esistito veramente, nel 1445 precisamente, durante il regno di Alfonso V d’Aragona

Mostrando 1 - 16 di 16 articoli